Antisemitismo: il ritorno e il rischio di perdere la memoria

Era il tardo 1989: il Comunismo stava crollando “pacificamente” anche in Ungheria e un giovane studente segretario della federazione degli studenti comunisti – laureato all’Università Loránd Eötvös di Budapest – chiedeva ad un ricco imprenditore una borsa di studio per continuare la sua esperienza formativa all’estero. Finanziamento accordato. Il giovane ragazzo – che se nonContinua a leggere “Antisemitismo: il ritorno e il rischio di perdere la memoria”